farmaci da portare in viaggio
Terre straniere

Thailandia e Laos: farmaci da portare con sè in viaggio

Preparativi per un viaggio in Thailandia e Laos: farmaci!

E’ passato un anno da quando, agitatissimi e felicissimi, abbiamo intrapreso il nostro viaggio in Thailandia e Laos.

Tra il desiderio di ricomporre i ricordi e la nostalgia di questa meravigliosa esperienza, il desiderio di tornare nel Sud-est asiatico è forte.

Una cosa sulla quale laprossima volta saremo preparatissimi sono le precauzioni igienico sanitarie, alcune delle quali si sono rivelate molto importanti.

Ecco quindi quali accorgimenti abbiamo seguito prima di partire per Thailandia e laos

Come ci si prepara ad un viaggio esotico?

Dopo aver definito l’itinerario e prima di aver fatto le valigie, è fondamentale prepararsi dal punto di vista sanitario!

Durante un viaggio esotico, è utile portare sempre con sè, in borsa o nello zaino, una busta con un blister di ognuno dei farmaci che potrebbero servire.

Le cose importanti da fare sono due:

  • prenotare un appuntamento con il servizio sanitario locale per verificare eventuali vaccinazioni da fare;
  • recarsi dal medico di famiglia per le ricette dei farmaci da portare con sè.

Thailandia e Laos: quali vaccini?

Per avere consigli e per ricevere i vaccini necessari, ci si rivolge direttamente all’azienda sanitaria pubblica, che ho trovato molto efficiente. Si prenota un appuntamento presso qualsiasi CUP o telefonando, senza bisogno di ricetta del medico.

Qui i contatti per la Regione Emilia Romagna: noi ci siamo rivolti al Poliambulatorio di Pianoro che è stato velocissimo, con medici che ci hanno fatto domande e hanno consigliato e somministrato direttamente i vaccini idonei.

Se la meta è una zona turistica (la Thailandia lo è ormai tutta) non vi sono vaccini obbligatori.

Tuttavia, ve ne sono alcuni che è meglio prendere in considerazione.

Ecco i vaccini consigliati:

Vaccino contro l’Epatite A.

L’Epatite A, che si trasmette tramite cibo crudo o non ben cotto, è di natura endemica nel Sud-Est asiatico. Questo significa che è normalmente diffusa, non si tratta di epidemie occasionali.

Certamente evitando gli alimenti crudi e l’acqua del lavandino non si corrono grossi rischi.

Thailandia e Laos: farmaci da portare con sè in viaggio 1

Ma, con un semplice vaccino, non se ne corre alcuno, quindi perchè non farlo?

E’ bene vaccinarsi un paio di settimane prima della partenza, ma, qualora non si riesca, anche il giorno prima di partire il vaccino è utile.

Vaccino contro il tifo.

Non molto diffusa come malattia, ad oggi, ma vista la facilità di questo vaccino, anche il vostro medico di base sicuramente lo consiglierà.

Si tratta infatti di un vaccino da assumere per via orale: 3 pastiglie dal nome Vivotif da prendere a giorni alterni. Tutto qui!

Alcuni suggeriscono, per entrare in Laos, di eseguire una specifica profilassi anti malaria.

In realtà, è utile se ci si addentra nella giungla o in zone molto rurali. Se si rimane, come abbiamo fatto noi, nella cittadina più turistica della nazione, non è necessario. Questa non è una profilassi semplicissima, quindi l’abbiamo evitata.

Quali farmaci portare con sè in Thailandia e Laos?

Naturalmente, quando si tratta di farmaci, la prima persona a cui fare riferimento è il proprio medico di base.

Andando da lui con il proprio itinerario alla mano, troverete una persona preparata a fornirvi un elenco di ricette per farmaci da portare con voi.

Riassumo, tuttavia, quello che abbiamo portato con noi, raccontandovi cosa ci è servito particolarmente.

Perchè, come spesso accade, la cosa che avevamo più sottovalutato è stata quella che ci è servita di più!

Ecco i farmaci presenti nella nostra valigia:

farmaci da portare in viaggio

Tachipirina ed Aspirina.

Non dimenticate farmaci a base di paracetamolo, e non lesinate neppure!

Sembra sciocco ipotizzare di avere la febbre in un paese tropicale, con temperature intorno ai 30 gradi tutto l’anno, ma la verità è che tra le possibili problematiche di salute che potranno capitare, è probabilmente la prima. Perchè?

Per via dell’utilizzo smodato di aria condizionata che fanno i thailandesi, che si andrà a scontrare con il copiosissimo sudore causato dal clima esterno! Ne ho già parlato, ad esempio, in relazione ai bus thailandesi!

Il paracetamolo si trova comunque normalmente nelle farmacie di tutto il mondo, ma con formulazioni differenti, qualora doveste terminarlo.

Pastiglie per il mal di gola.

Stessa ragione del punto qui sopra.

Il mal di gola è quasi inevitabile, e lo scoprirete la prima volta che utilizzerete lo sky train di Bangkok!

Anche in questo caso, non è grave rimanere senza a metà viaggio: pastiglie identiche al nostro Benagol vengono vendute in tutti i (numerosissimi) 7Eleven sparsi per la Thailandia.

sciarpa mal di gola thailandia

Un antibiotico.

Noi abbiamo portato due confezioni (una per uno) di antibiotico forte in tre pastiglie, per le evenienze estreme. Non ci è fortunatamente servito.

Ma abbiamo portato anche…

Un antibiotico specifico per batteri intestinali. Questo è semplice da intuire: quando si va in paesi esotici, si sa, l’intestino non sempre regge.

Per gli stessi motivi, abbiamo preso anche un farmaco ad azione rapida contro i problemi intestinali e un farmaco contro nausea e vomito.

Sono felice di poter dire, comunque, che noi abbiamo riportato a casa integre tutte le confezioni di farmaci per intestino e stomaco, grazie alle accortezze rispetto a cibo e bevande.

Thailandia e Laos: farmaci da portare con sè in viaggio 2

E’ utile, per evitare questo problemi, fare attenzione a cosa si mangia, evitare verdure crude, acqua di lavandino, ghiaccio negli stand per strada, e cibo di strada qualora… non abbia l’aria di essere super pulito!

Pastiglie anti-acido e digestive

Questo vale per chi ha problemi di acidità di stomaco o gastriti. La dieta è molto diversa da quella a cui siamo abituati, ed è quindi meglio premunirsi.

Thailandia e Laos: farmaci da portare con sè in viaggio 3

Tuttavia, la possibilità di mangiare molto riso e le ottime banane a km zero che si trovano ovunque e a prezzi stracciati sono ottime alternative.

Una pomata al cortisone e, per chi ha il dubbio o la certezza di essere allergico a punture d’insetto, un forte antistaminico. 

E’ anche necessario procurarsi un forte spray anti zanzare. Non di quelli naturali (che io normalmente prediligo): le zanzare asiatiche sono sensibili solo a prodotti più decisi. Fidatevi, dunque, e acquistate uno spray fatto apposta per le zone tropicali. 

Ne trovate numerosi in commercio, anche online.

Inutile dire, poi, di portare una quantità sufficiente a coprire tutti i giorni di permanenza di qualsiasi farmaco si debba assumere regolarmente.

Un paio di consigli extra

Oltre ai farmaci, andando in Thailandia e Laos, un suggerimento che ritengo molto valido è quello di portare con sè qualche integratore.

integratori da portare in viaggio

Noi abbiamo portato magnesio e potassio in bustina, tranquillamente acquistabile in farmacia, al supermercato, ma anche online.

Si è rivelato un “salvavita”, specialmente nella tremenda afa di Bangkok, che in pochissimo tempo debilita un organismo non abituato.

L’ultimo consiglio che voglio dare a chiunque parta per queste meravigliose terre è quello di dare per scontata l’idea di lasciare a casa il proprio concetto di igiene.

Come italiani, siamo senza dubbio una popolazione più “maniaca della pulizia” di altre, e ci può essere difficile rassegnarci a contesti molto differenti.

Per questo, premuratevi di portare con voi un bel pacco grosso di salviettine igienizzanti, magari anche intime.

Non dimenticate poi la cosa più importante di tutte: l’igienizzante per mani da borsetta! 

Noi abbiamo portato la celebre boccettina di gel di Amuchina: utilizzata tutta in due settimane!

Il Libro: “Lezioni di anatomia: il corpo umano in quindici storie”

lezioni di anatomia minimum faxSto leggendo vari libri sull’approccio del farang alla Thailandia e al Sud-est asiatico. Tuttavia, qui si parla di farmaci e delle reazioni del corpo ad un ambiente molto diverso da quello abituale.

Per questo, ho deciso di consigliare un libro sul corpo.

Il libro è un gioiellino inaspettato, rispetto all’argomento.

Si tratta di “Lezioni di anatomia: il corpo umano in quindici storie”.

Ogni storia è legata a una parte diversa del corpo, e afficata a un diverso autore.

Gli autori portano nomi d’eccellenza, quali: Naomi Alderman, Christina Patterson, A.L. Kennedy, Ned Beauman, Abi Curtis, Kayo Chingonyi, Mark Ravenhill, William Fiennes, Annie Freud, Philip Kerr, Daljit Nagra, Patrick McGuinness, Chibundu Onuzo, Imtiaz Dharker, Thomas Lynch.

In Italia è un’edizione Minimum Fax, il che, ho imparato, dà già qualche garanzia di suo.

Perfetto per un umanista che ami leggere, e che voglia riflettere sul tema delle funzioni del proprio corpo!

Please follow and like us:
error

Dai un'occhiata anche a...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *